Teleducato interrompe le trasmissioni e i nove contratti di lavoro

Lombatti

In data odierna, 30 ottobre 2015, l’assemblea dei soci di Telemec s.r.l. (società editrice di Teleducato) ha approvato un piano di ristrutturazione indispensabile per poter garantire la continuità aziendale.

Nonostante un’importante ricapitalizzazione da parte di tutti i soci per l’immediata messa in sicurezza della società, si è reso necessario: la cessazione dell’attività di produzione di servizi di media audiovisivi di tutti i canali televisivi, compresi Teleducato Parma e Teleducato Piacenza, a partire dai primi mesi del 2016; la vendita degli stessi canali; la prosecuzione dell’attività di operatore di rete, attraverso il trasporto del segnale di altre emittenti.

In considerazione della cessazione di fatto dell’attività di produzione televisiva, è al momento inevitabile l’interruzione di tutti e nove i contratti di lavoro attualmente in essere.

Telemec S.r.l.

___

L’assemblea dei lavoratori di Telemec S.r.l. (Teleducato) insieme alle organizzazioni sindacali di categoria di SLC CGIL, FISTEL CISL e UILCOM UIL di Parma hanno deciso di proclamare lo sciopero ad oltranza di tutti i dipendenti a partire dalla sera di lunedi 2 novembre se entro lo stesso giorno non saranno convocate le rappresentanze sindacali e revocati i licenziamenti.

Il licenziamento di tutti e nove i dipendenti, comunicato loro questo pomeriggio, è infatti un atto unilaterale inaccettabile nel metodo e volto ad eludere un qualsiasi percorso di salvaguardia dell’occupazione e tutela dei lavoratori.

Se fosse confermata l’intenzione della proprietà di costituire una nuova società, risulterebbe evidente che ci troveremmo di fronte all’ennesimo caso di azienda che licenzia i propri dipendenti (in questo caso chiedendo anche loro di non preoccuparsi in quanto potrebbero venire riassunti e quindi assoggettandoli al peggiore dei ricatti) per poter assumere applicando contratti nazionali al ribasso, rapporti di lavoro illegittimi o precari e beneficiare anche di sgravi contributivi.

Forse è la realizzazione di un vecchio disegno, già più volte tentato, dell’editore. È pertanto indispensabile la revoca immediata dei licenziamenti e l’apertura di un tavolo di confronto.

___

In merito alle vicende relative alla cessazione delle attività da parte della Telemec s.r.l., editore di Teleducato Parma e Teleducato Piacenza, il Senatore Giorgio Pagliari (Pd) ha dichiarato: “Ho consumato le sedie di Teleducato: come posso non essere dispiaciuto? Teleducato è una emittente importante nel sistema locale, e ha avuto certamente un suo ruolo che riconosco senza problemi anche se non ho sempre condiviso. Ricordo, sul piano personale, un rapporto sempre cordiale con il direttore Ferraguti e con tutti gli operatori. Li ringrazio, augurando che possa davvero concretizzarsi una soluzione che garantisca loro la continuità lavorativa”.