In Emilia-Romagna l’agricoltura frena la crisi delle imprese under 35

Andrea Degli Esposti, 30 anni, di Monghidoro è il nuovo delegato di Coldiretti Giovani Impresa dell’Emilia Romagna. Lo comunica Coldiretti regionale, sottolineando che il nuovo delegato, eletto all’unanimità dall’assemblea dei giovani Coldiretti provenienti da tutta la regione, assume la guida della maggiore associazione giovanile agricola nell’anno in cui il settore primario è l’unico che frena la crisi delle imprese giovanili regionali.

In Emilia Romagna, infatti – rileva Coldiretti regionale – le  aziende under 35 in generale sono diminuite nel 2017 di 1.559 unità, pari ad una riduzione del 4,8%. Sulla base dei dati dell’Unione regionale delle Camere di Commercio, le aziende guidate da giovani nel settore agricolo – informa Coldiretti Emilia Romagna – sono invece passate dalle 2.288 del 2016 alle 2.351 al 31 dicembre 2017, con una crescita del 2,8%, a conferma dell’attrazione che l’attività nei campi esercita sui più giovani. Una tendenza che potrebbe essere destinata ad aumentare visto che l’Italia all’inizio di aprile ha scelto di incrementare da 37 a 74 milioni i euro i finanziamenti derivati dalla Politica agricola comune (Pac) per favorire l’insediamento nei campi.

Degli Esposti – informa Coldiretti Emilia Romagna – è un imprenditore “di ritorno” in agricoltura: a diciotto anni ha deciso di lasciare Bologna e di giocare la sua vocazione imprenditoriale recuperando l’attività dell’azienda agricola del nonno dopo anni di abbandono, ristrutturando il borgo settecentesco di La Martina sulle colline bolognesi in comune di Monghidoro. A ventidue anni ha ottenuto i finanziamenti per il primo insediamento ed oggi conduce un’azienda di 80 ettari, impostata a criteri di multifunzionalità, con un allevamento biologico di mucche da carne, la vendita diretta dei suoi prodotti attraverso il circuito di Campagna Amica e l’attività agrituristica, con ristorazione e pernottamento, dove svolge serate a tema ed escursioni a piedi o a cavallo nel parco “La Martina” sull’Appennino bolognese.

Il nuovo delegato, nel ringraziare Andrea Minardi, che l’ha preceduto alla guida dei giovani di Coldiretti Emilia Romagna, ha indicato tra gli obiettivi del suo mandato “l’incremento della formazione dei giovani imprenditori, la cui presenza – ha detto – è in costante crescita nel settore agricolo come dimostra anche l’aumento delle domande di primo insediamento del Piano di sviluppo rurale”. Degli Esposti, alla luce della sua personale esperienza, ha dichiarato la sua piena disponibilità a “mettersi al servizio dei giovani che vorrebbero impegnare il loro futuro in agricoltura, pronto a sostenerli, insieme con gli uffici Coldiretti, nel cogliere le opportunità che la legge di Orientamento offre per la multifunzionalità delle aziende agricole, per l’accesso ai finanziamenti e, soprattutto, nel superamento delle tante difficoltà burocratiche per avviare una propria impresa”.