Fusioni, Calvano (Pd): “Voto non politico, rispettiamo volontà dei cittadini”

Dichiarazione del segretario del Pd dell’Emilia-Romagna Paolo Calvano: “Dalla Regione e anche come PD abbiamo sempre invitato i cittadini a valutare le fusioni in termini di opportunità e non di schieramento politico, perché si parla del futuro delle comunità a prescindere da chi le governa o di chi le governerà. In alcuni casi queste opportunità sono apparse lampanti e da cogliere senza indugi, come è successo nel ferrarese o nel parmense tra Sorbolo e Mezzani, in altri casi invece, come nel bolognese, non è apparso evidente il salto di qualità che poteva esserci fondendo i comuni.

L’analisi sui risultati delle fusioni penso debba farci ragionare sulla dimensione ottimale per poter offrire servizi all’altezza delle aspettative dei cittadini. Laddove è già presente la percezione di questa dimensione ottimale del comune, la fusione non sempre viene colta come un’opportunità aggiuntiva e di rafforzamento per il territorio, e quindi non si sviluppa quella propensione a mettersi insieme. A Bologna credo che la lettura possa essere questa, ancor prima che una lettura prettamente politica.

Se ci mettiamo poi a far la gara per mettere il cappello su questo o su quel risultato, ce n’è per tutti. Se penso a Ferrara ad esempio ha vinto il SI anche laddove il centro destra o il M5S avevano detto no. Quindi lo dico ai nostri avversari: politicizzare le fusioni non aggiunge o toglie niente a nessuno. Limitiamoci a rispettare il voto dei cittadini sia che abbiano detto sì sia che abbiano detto no.”