Arriva una nuova ambulanza in Pubblica intitolata a Giovanna Bizzi

Questa mattina, alle 11, presso la sede dell’Assistenza Pubblica Parma Onlus, è stata inaugurata la nuova Papa 2, l’ambulanza intitolata alla memoria di Giovanna Bizzi. Il mezzo è stato donato all’ente di volontariato per volontà di Giovanna dal cugino, Giorgio Schianchi.

La cerimonia, cui hanno partecipato Luca Bellingeri, presidente di Assistenza Pubblica Parma (Onlus), Filippo Mordacci, comandante del Corpo militi volontari, e Giorgio Schianchi, il familiare che ha concretizzato le volontà della signora Bizzi, è stata un momento di festa per l’associazione che, da adesso, dispone di un veicolo nuovo per poter portare aiuto alla città.

L’ambulanza, che da oggi fa parte del parco mezzi dello storico ente di volontariato dell’Oltretorrente, è un veicolo tecnologicamente all’avanguardia, essendo dotato di tutti i migliori standard richiesti, e realizza il sogno della signora Bizzi, la quale aveva espresso alla famiglia il desiderio di donare alla Onlus un mezzo di cui avrebbe potuto fruire l’intera collettività.

«Quest’ambulanza – ha spiegato Giorgio Schianchi, parente della signora Bizzi – è stata presa con il ricavato della vendita dell’appartamento di mia cugina Giovanna, a cui il mezzo è stato intitolato. Era il suo desiderio più grande, condiviso con tante altre persone; io l’ho esaudito. L’ho fatto per rispettare il suo volere, e con grande gioia. C’è un forte affetto che mi lega a quest’associazione: sono socio della Pubblica e mi occupo di volontariato, per cui è un mondo che mi è molto vicino».

«Quando qualcuno decide di credere in noi– ha affermato il presidente dell’Assistenza Pubblica, Luca Bellingeri – è sempre un momento importante. Oggi festeggiamo l’arrivo di un nuovo mezzo che aiuterà la nostra associazione ad assistere le persone che hanno più bisogno. Grazie a questo regalo i nostri volontari potranno svolgere la propria attività nel migliore dei modi, con la strumentazione più sicura e adeguata possibile. La Pubblica è la casa di tutti coloro che credono nei valori del volontariato e dell’altruismo, e per noi è una gioia immensa vedere che quello che facciamo ogni giorno è fondamentale e viene apprezzato da tutta la comunità».

«Porto un sentito grazie – ha dichiarato Filippo Mordacci, comandante del Corpo militi – da parte mia e di tutti i volontari alla signora Giovanna e ai familiari che hanno eseguito il suo desiderio. Vogliamo essere sempre al servizio dei nostri cittadini nel migliore dei modi, e possiamo farlo, non solo con la nostra buona volontà e il nostro tempo: ci servono anche degli strumenti. Quando una persona pensa a noi e desidera darci una mano compiendo una donazione, noi vogliamo subito concretizzarla e restituirla alla comunità. Oggi abbiamo la fortuna di mettere questo mezzo sulla strada, a disposizione di tutti, grazie al desiderio della signora Giovanna. Le inaugurazioni di mezzi sono per noi dei traguardi importanti, poiché ci sostengono anche dal punto di vista morale».