Christian Stocchi è il sindaco più votato della storia della provincia di Parma. Colorno è ribattezzato Stocchistan (di Andrea Marsiletti)

confartigianatomaggio
Contabile_giugno24

La vittoria di Christian Stocchi alle comunali di Colorno di domenica scorsa è stata enorme con quella percentuale siderale del 77%.

E’ stato il risultato più alto della storia dei Comuni della provincia di Parma dalle dimensioni medio-grandi, sopra i 7.000 abitanti (Collecchio, Colorno, Langhirano, Fidenza, Medesano, Montechiarugolo, Noceto, Parma, Salsomaggiore, Sorbolo Mezzani, Sissa Trecasali, Torrile, Traversetolo). Raccogliere percentuali di consenso così vertiginose nei Comuni più popolosi è chiaramente più complesso che nei piccoli Comuni dove basta spostare qualche famiglie per sfondare e dove ormai, sempre più purtroppo, va già bene se si trovano due candidati disposti a sfidarsi, perché a volte ce n’è solo uno come ad Albareto, Terenzo e Valmozzola nell’ultima tornata amministrativa.



Di norma quando un candidato dilaga è perché non c’è nulla dall’altra parte non c’è nulla, si arrendono in partenza senza neppure abbozzare un tentativo di arginamento, tantomeno di resistenza partitica organizzata.

A Colorno la compagine che ha sfidato Stocchi si era presentata con il vestito della messa: le tre minoranza consiliari finalmente unite, un candidato sindaco esperto e conosciuto (Alberto Padovani), già assessore e segretario comunale dei DS, da anni civico e forte di un sorprendente risultato della sua lista civica (17%) di soli cinque anni fa fuori da entrambe le coalizioni, un ex sindaco (Stefano Gelati) molto stimato in paese prima a tirare le fila della coalizione e poi in lista, il segretario provinciale del M5S (Simone Guernelli) in consiglio e quindi ad appoggiare l’alleanza puntellandola con candidati pentastellati, l’enfant prodige del PD Lorenzo Pasini capolista, il segretario del Pd Aldo Fochi in lista, insieme a una regina delle preferenze (Raffaella Lommi).

Il campo largo, larghissimo, aveva messo sul tavolo tutta la sua argenteria, ma purtroppo per loro l’onda stocchiana era troppo alta, altissima, una così alta non l’aveva mai vista neppure un lupo di mare come Gelati.

Stocchi ha vinto per ottimi risultati amministrativi, per un impegno stakanovista, una disponibilità nei confronti dei cittadini impareggiabile, un civismo trasversale assunto a metodo, una comunicazione perfetta, centralizzatissima, che non si è mai concessa una sbavatura, né l’avrebbe tollerata da parte di un membro del gruppo, senza pari per disciplina ed efficacia probabilmente in tutta la regione.

Se Christian Stocchi è il sindaco più apprezzato della storia della provincia di Parma, è anche perché ha avuto al suo fianco una squadra di giunta e di consiglio monoblocchi, e in particolare due sacerdotesse, le assessore Maria Grazia Delmiglio (recordwoman delle preferenze di sempre a Colorno) e Mirka Grassi, che hanno interpretato alla perfezione lo religione stocchiana, nei suoi comandamenti, dogmi, liturgie, fini escatologi.

Nessuno sa quanto durerà lo stocchismo, o lo Stocchistan come le minoranze hanno ribattezzato da subito Colorno. Loro sperano di non dover attendere la fine dei tempi…

Andrea Marsiletti

kaleidoscopio
SanMartino
lodi_maggio24
Casa Bambini