Emergenza climatica, i Verdi di Parma: “Il Comune di Parma è fermo”

nella foto: Ximena Malaga Palacio

In occasione dello Sciopero Globale per il Clima e a pochi giorni dalla COP 25 di Madrid, i Verdi di Parma sollecitano il Comune sugli impegni presi con la dichiarazione di emergenza climatica. Si tratta dell’importante atto del Consiglio Comunale, che il 22 luglio scorso stabiliva tra l’altro l’impegno ad approvare entro sei mesi un piano urgente e credibile che vada nella direzione della riduzione delle emissioni e a predisporre un piano di adattamento locale agli effetti del riscaldamento globale.

La scadenza del 22 gennaio si sta avvicinando ma dal Comune non si ha ancora nessun segnale rispetto a queste importanti decisioni, che per la loro portata dovrebbero prevedere un adeguato coinvolgimento dei cittadini, dei partiti e delle associazioni.

Ad oggi non è stato nemmeno reso disponibile (malgrado la richiesta in Consiglio comunale) il dossier sulla candidatura di Parma al riconoscimento di European Green Capital, ma dai pochi dati pubblicati emerge che nessuna decisione sostanziale sia stata presa dopo la dichiarazione di emergenza climatica.

I Verdi raccolgono e fanno propria la richiesta, forte e determinata, dei ragazzi dei Fridays for Future, di azioni reali e pratiche che rispecchino il riconoscimento di un reale grado di priorità alla mitigazione del cambiamento climatico.

Verdi di Parma

I portavoce

Ximena Malaga Palacio (nella foto)

Enrico Ottolini