Già agli arresti domiciliari, minacciava e molestava i condomini: finisce in carcere un 28enne

proges_4_21

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Parma, coordinanti dalla locale Procura, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari (Giudice Dott. L. Agostini), nei confronti di un 28 enne cittadino italiano (C.F.), già agli arresti presso la propria abitazione da maggio 2020. 

Dal mese di gennaio a tutto febbraio c.a., sono state trasmesse, da parte dei Carabinieri della Compagnia della città, all’Autorità Giudiziaria diverse annotazioni di polizia giudiziaria in cui vengono riferite le diverse violazioni alle restrizione imposte dalla misura cautelare da parte dell’interessato. Inoltre sono state trasmesse numerose denunce da parte dei condomini inerenti a minacce di morte, danneggiamenti di parti comuni condominiali e molestie, rivolte quotidianamente ai vicini di casa.

Alla luce degli evidenziati elementi di prova acquisiti, sussistendo il pericolo di recidiva, vista la dimostrata assenza di autocontrollo del medesimo la cui personalità criminale è particolarmente spiccata, nonostante fosse stato avvertito che un’ulteriore violazione della misura avrebbe determinato un inasprimento del regime cautelare e risultando inadeguate le misure non custodiali, il Giudice accogliendo la richiesta avanzata dal P.M. ha disposto la misura cautelare in carcere.

L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Parma.

Il Procuratore della Repubblica dott. Alfonso D’Avino