Intercettazioni magistrati, Campari (Lega): “Gravissime parole anti-Salvini”

“Le intercettazione di alcuni magistrati che concordano di attaccare Matteo Salvini, rese pubbliche dal quotidiano La Verità, sono gravissime e dimostrano la vicinanza tra alcuni settori politicizzati della magistratura e le forze politiche pro-immigrazione. Un fatto noto da tempo, ma ora è nero su bianco agli atti dell’inchiesta sulla corruzione delle toghe. Siamo di fronte ad un problema serio per le istituzioni e per la vita democratica del Paese.

Al di là delle iniziative disciplinari che il Csm intenderà intraprendere, se sarà provata l’esistenza di settori ‘deviati’ della magistratura, alcune forze politiche dovrebbero fare chiarezza sui loro rapporti con essi e rinunciare alla vecchia abitudine di tentare di eliminare per via giudiziaria gli avversari che non riescono a sconfiggere attraverso libere elezioni. La Lega sarà sempre a sostegno della magistratura libera, indipendente nell’accertare la verità e garante del rispetto della volontà del Popolo che si esprime attraverso il libero consenso.

Questo Paese va cambiato profondamente, la Lega esiste per questo e per questo si fa tanti nemici”.

Così Maurizio Campari, senatore parmigiano della Lega.