Le sparate di Repubblica

23/07/2009
h.10.00

Mi trovo per fortuna in Normandia in vacanza ma neppure in questi giorni sono riuscito a “staccare” da Parma perchè, mio malgrado, mi sono visto pubblicato sui giornali come imminente responsabile dell’Ufficio Stampa del Comune di Parma, incarico prestigioso ma notizia completamente destituita di ogni fondamento.
Ma non è stato tanto il fatto di essere stato coinvolto in prima persona in una nuova professione e di conseguenza costretto ad abbandonare la guida delle due testate online che dirigo a dispiacermi (ho il senso delle proporzioni e so bene che al parmigiano l’ultima cosa che gli può interessare, soprattutto se a fine luglio, è dove il sottoscritto andrà a lavorare…) ma un certo modo di fare giornalismo che spara le notizie senza verificarle e senza prova, fondandosi, quando va bene, sul chiacchiericcio e sulle voci di corridoio. Che poi ciò che si pubblica sia una palla o una verità poco importa perchè il risultato di eccitare quattro gatti addetti ai lavori è stato ottenuto, così come quello subdolo di accostare una persona ad un ambiente o a una parte.
A buttare fuori la “notizia” per primo è stato il sito di Repubblica Parma a cui ieri ho prevveduto ad inviare la nota che riporto di seguito ad esercizio del diritto di rettifica (sperando essa venga pubblicata ai sensi delle normativa di legge e non in modo scorretto, come è ora online, nei commenti in mezzo ad altri postati dai lettori). Mi auguro davvero che Repubblica adotti un metodo di lavoro diverso quando tratta argomenti più seri e approfondisca minimamente le notizie… ne va del nome e della credibilità di questa importante testata.
Colgo l’occasione per augurare a tutti i lettori buone vacanze… e per chi non avesse ancora deciso dove andare suggerisco di venire qui in Normandia, dove il fresco non manca (anzi!)…

                                                                                    Andrea Marsiletti

All’attenzione del Direttore di Repubblica Parma
Antonio Mascolo

Oggetto: Rettifica

Parma, 22 luglio 2009

Egregio Direttore,
in data 22 luglio il suo giornale mi ha onorato addirittura con una foto in prima pagina attribuendomi un incarico quale nuovo responsabile dell’Ufficio Stampa del Comune di Parma, notizia totalmente priva di ogni fondamento.
Non tocca sicuramente a me giudicare il suo lavoro ma ai lettori di Repubblica, ma non posso esimermi dal prendere atto, con dispiacere, di un certo giornalismo piuttosto penoso e chiacchiericcio che spara notizie senza alcuna prova. O meglio, se lei ha qualche prova di questo mio futuro incarico le sarei grato potesse esibirla, altrimenti si tratterà dell’ennesima bufala che davvero non credo qualifichi la sua importante testata.
Cordialmente,

Andrea Marsiletti