Noceto: consegnati i Premi San Martino 2023

Tutto esaurito al Teatro Moruzzi di Noceto nella serata del 13 novembre scorso in occasione della trentunesima edizione della cerimonia di consegna del Premio San Martino, il riconoscimento che ogni anno viene assegnato all’Amministrazione Comunale ai nocetani che si sono distinti per doti umane, artistiche, imprenditoriali, per impegno sociale, civile ed intellettuale.

 Istituito nel 1987 dal Consiglio Comunale nel mandato del sindaco Francesco Barocelli, il riconoscimento era stato rivolto inizialmente a personalità di calibro internazionale come Rita Levi-Montalcini e Sandro Pertini , per poi essere ricondotto ad una dimensione più specificatamente locale e orientarsi  ai nocetani che  hanno dato un proprio contributo significativo nei vari ambiti della vita sociale , concorrendo in alcuni casi  in maniera positiva nel portare il nome di Noceto al di fuori dei suoi confini territoriali.

Da quel lontano 1987 il Premio, ad eccezione di due sospensioni –  nel biennio 1990/1991 e poi nel 2020, a causa della pandemia –  è sempre stato negli anni costantemente assegnato. Nel 2021 e nel 2022 hanno avuto luogo due edizioni straordinarie, interamente rivolte al mondo di quanti operano nella sanità, per il loro lavoro fondamentale e prezioso.

 

† Terra Santa 11 – Il Santo Sepolcro, il luogo più sacro del mondo (di Andrea Marsiletti)

 

A consegnare i riconoscimenti sul palco del Moruzzi il 13 novembre – Premi e Benemerenze – è stato il sindaco Fabio Fecci con l’assessore alla Cultura Antonio Verderi, ad introdurre la cerimonia un concerto del pianista Palmiro Simonini.

Quindici le benemerenze assegnate; Barusi Andrea, Corsaro Pietro, Dall’asta Giuliano, Durante Lorenzo, Farolini Guido, Rabidi Giuseppe Ravasini Luciano, Torri Sergio per il traguardo delle cento donazioni Avis, ai Cori parrocchiali – Cella, Costamezzana, Pontetaro, Sanguinaro e Borghetto – per l’impegno nell’animare le funzioni religiose, ai cittadini Giovanni Schiaretti e Tommaso Ceniti per l’impegno costante profuso nel volontariato

Otto i Premi San Martino conferiti per il contributo dato in differenti ambiti: per la letteratura agli autori Sara Gambazza e Pietro Furlotti, per lo sport al maratoneta Emanuele Vaccaro ed al ciclista Francesco Monticelli, per imprenditoria, impegno nel sociale e per lo sport ai fratelli Graziano e Franco Adami, titolari dell’azienda Casone, in occasione dei 50 anni dalla fondazione e del decimo scudetto consecutivo dell’Atletica Casone.  Nell’ambito della ricerca medica è stato premiato l’oncologo Antonino Musolino, ha concluso la cerimonia la consegna del Premio alla dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Rita Levi-Montalcini Lorenza Pellegrini, presente con le insegnanti del plesso, in occasione dei cento anni della scuola frazionale di Borghetto.

Le benemerenze sono attestate da una pergamena, mentre il Premio dalla riproduzione di un dipinto del 1851 di Alberto Pasini ove è raffigurata la Rocca di Noceto.

 

lombatti_mar24