On. Gualmini in visita al Cepim

La parlamentare europea Gualmini ha visitato il Cepim di Fontevivo.

Ad accoglierla il presidente di CEPIM Giampaolo Serpagli. “Ringrazio tutti i presenti, in particolare l’On. Gualmini per l’importante supporto che ci ha fornito al fine di ottenere il finanziamento di 3 mln €, destinato alla realizzazione del nuovo terminal ferroviario, il cui costo è stimato in 11 mln euro. L’investimento del terminal è importante non solo per Parma ma per tutto il Nord dell’Italia, dove non sono ancora presenti dei terminal così performanti. Tali premesse permetteranno di contribuire al raggiungimento degli obiettivi delineati dalla Commissione Europea per portare entro il 2050 almeno il 30% di merci su rotaia. Il completamento delle infrastrutture pubbliche, quali la TiBre (ferrovia pontremolese e autostrada), dovranno essere al più presto completate, in quanto sono indispensabili per il territorio, nonché fondamentali per lo sviluppo di CEPIM, poiché consentiranno collegamenti più efficienti e veloci con il Porto di La Spezia e con l’Europa”.

“Abbiamo avuto l’onore di ospitare presso il CEPIM-Interporto di Parma l’On. Europarlamentare Elisabetta Gualmini e l’Assessore Regionale Andrea Corsini. In tale occasione abbiamo presentato i positivi risultati economici aziendali conseguiti, e le rilevanti attività di sviluppo che sono in corso, programmate anche nell’ambito di progettualità europee, in particolare la realizzazione del nuovo terminal ferroviario. Tale progetto concorrerà allo sviluppo nonché alla crescita di CEPIM, alla sua integrazione con le industrie del territorio, e contribuirà alla sostenibilità ambientale incrementando il trasferimento del trasporto di merci da strada a ferrovia”, ha dichiarato l’AD di CEPIM Fabio Rufini.

“Sono molto onorata di essere venuta qui al CEPIM in veste di parlamentare europeo, perché abbiamo festeggiato assieme i 3 mln € di finanziamento della Commissione Europea per questo progetto importantissimo di ampliamento del terminal ferroviario. “ha affermato l’on. Gualmini. “CEPIM è uno degli interporti più grandi in Europa ed in Italia, sta investendo moltissimo sulla decarbonizzazione per trasferire dalla gomma al ferro le merci al fine di migliorare la sostenibilità. Stanno facendo cose ottime, interagendo con il territorio e le imprese locali, quindi, sono un esempio di eccellenza di rapporti tra pubblico e privato.” 

“Grazie al finanziamento europeo e del Ministero, sarà realizzato l’importante investimento del nuovo scalo ferroviario che consentirà di sviluppare le potenzialità dell’intermodalità nel territorio dell’Emilia occidentale. Il nuovo terminal potrà competere con i grandi scali nazionali ed internazionali nell’ottica di un trasporto ferroviario delle merci sempre più sostenibile. Noi, come Regione, naturalmente siamo vicini al CEPIM aiutandolo in questa importante realizzazione e continueremo a lavorare per supportare l’incremento dello shift modale, e conseguentemente aumentare la percentuale di merci trasportate su ferro anziché su gomma. Da questo punto di vista, anche gli investimenti di sviluppo delle linee ferroviarie da parte di RFI e della nostra società FER, hanno questo obiettivo” ha concluso l’assessore regionale Corsini.