Operazione di controllo del territorio a Borgotaro

19/01/2009
h.10.30

La Compagnia Carabinieri di Borgo Val di Taro, nell’ambito dei collaudati servizi finalizzati a garantire – in particolare – la prevenzione dei furti in abitazione e l’applicazione delle norme in materia di sicurezza stradale, ha disposto, dal 14 al 16 c.m., un’operazione straordinaria di controllo del territorio.
L’attività, basata sull’attenta vigilanza di tutti i centri abitati della giurisdizione e delle principali arterie stradali (SP. 523 e SP. 308), è stata svolta mediante l’impiego coordinato del Nucleo Operativo e Radiomobile e delle Stazioni, effettuando posti di controllo nei punti più sensibili del territorio.
In particolare, nei 3 pomeriggi sono stati simultaneamente controllati, rispettivamente, i centri abitati di Berceto, Calestano e Bedonia da 3 diverse pattuglie che, opportunamente posizionate, hanno controllato tutti i veicoli in ingresso/uscita, mentre successivamente hanno effettuato attenta vigilanza in tutto il paese, procedendo anche al controllo di vari esercizi pubblici. Gli eventi di rilievo sono stati i seguenti:
Bardi: militari della locale Stazione hanno denunciato a p.l. una 60enne del luogo per “detenzione abusiva ed omessa denuncia di armi“. Nel corso di uno specifico controllo, infatti, la donna veniva trovata in possesso di una pistola cal. 6,35, risultata di proprieta’ della madre della donna (deceduta da oltre 2 anni), che l’interessata aveva poi detenuto illegalmente, non avendone denunciato il possesso. L’arma veniva quindi posta sotto sequestro;
Bedonia: i militari della locale Stazione hanno denunciato a p.l. un 37enne del luogo per “molestie a mezzo telefono“. A seguito della denuncia sporta da una donna del luogo, che era stata perseguitata con molteplici telefonate ed s.m.s. per quasi un mese, i militari avviavano specifiche indagini, riuscendo a risalire, mediante specifici accertamenti tecnici, all’identità dell’uomo (che nel frattempo, forse temendo di aver ecceduto, aveva interrotto la sua condotta), denunciandolo infine;
Calestano: militari della locale Stazione hanno denunciato a p.l. un extracomunitario di 49 anni per “minacce ed ingiurie”. A seguito di contrasti per motivi familiari avuti con un congiunto l’uomo dapprima lo minacciava con un s.m.s. e poi lo affrontava per strada minacciandolo con un coltello, evenienza che induceva la vittima dapprima a scappare e poi ad avvisare, in un secondo momento, i militari. Questi ultimi non riuscivano però a rintracciare l’uomo, a carico del quale scattava comunque la denuncia per i fatti di cui si era reso responsabile.