Programma di sviluppo rurale, in arrivo 30 milioni

17/01/2009
h.16.00

Ammontano a 30 milioni di euro le risorse assegnate dall’Assessorato all’agricoltura della Regione Emilia-Romagna a sostegno di 43 progetti per il miglioramento delle capacità di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli emiliano – romagnoli.
Il finanziamento, è stato realizzato grazie al primo bando della misura 123 del Programma di sviluppo rurale e ha permesso di attivare investimenti complessivi per circa 90 milioni di euro.
Diversi i settori produttivi interessati: dal comparto lattiero – caseario (13 progetti) a quello del vino ( 7 progetti) a quello della commercializzazione diretta dei prodotti di qualità (ancora 7) ai settori delle carni suine e dell’ortofrutta ( con 5 e 4 progetti ), per citare solo i principali.
Le domande di finanziamento presentate e risultate ammissibili sono state però 166 per 155 milioni di euro di contributo richiesto ed un investimento complessivo di oltre 430 milioni di euro.
E’ la conferma – commenta l’assessore regionale all’agricoltura, Tiberio Rabboni dell’elevata propensione all’investimento che continua a caratterizzare il sistema agroalimentare emiliano – romagnolo. Si tratta di un dato particolarmente positivo poiché evidenzia che nonostante la gravissima crisi dell’economia globale sono presenti, nella nostra Regione, numerosi imprenditori disposti a scommettere sul futuro delle proprie aziende e ad impegnare ingenti risorse in progetti di sviluppo“.
Purtroppo le disponibilità finanziare del bando – ha proseguito Rabboni – non hanno consentito di rispondere a tutte le richieste. Siamo stati in grado di soddisfare solo il 26% delle proposte ammissibili. Per questo stiamo lavorando per aggiungere nuove opportunità di finanziamento in corso d’anno.
Innanzitutto nei prossimi mesi verrà emanato l’avviso pubblico relativo ai “progetti di filiera” per i quali è disponibile un contributo pubblico di circa 140 milioni di euro e all’interno del quale potranno essere proposte alcune delle iniziative non finanziate in questa occasione.
Inoltre nel corso del 2009 attiveremo un nuovo avviso pubblico sulla misura 123 utilizzando risorse regionali non ancora assegnate nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale e nuove risorse che arriveranno alla Regione dall’Unione Europea a seguito dei recenti accordi sulla Politica Agricola Comunitaria sottoscritti a Bruxelles.
Con queste ulteriori iniziative riteniamo di poter avviare a finanziamento un ulteriore congruo numero di progetti per l’ammodernamento delle filiere agroalimentari, l’internazionalizzazione e la crescita competitiva dell’agricoltura emiliano-romagnola
“.