Camst investe a Parma 1,8 milioni per “Dal 1945 Gustavo Italiano”

confartigianatomaggio

Apre a Parma “Dal 1945 Gustavo Italiano”, il format di punta di Camst per la ristorazione commerciale lanciato sul mercato dall’azienda per offrire ai consumatori una nuova esperienza sostenibile e innovativa, all’insegna della qualità dei menu proposti.
Tre i nuovi punti di consumo aperti al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 21 all’interno del centro commerciale Centro Torri di Parma per soddisfare le esigenze di chi mangia fuori casa: “Dal 1945 La pizza di casa mia” il format dedicato agli amanti della pizza al taglio e in tagliere; “Dal 1945 In cucina” il self service per una ricca, ma veloce, pausa pranzo; “Dal 1945 Il buon caffè”, la proposta tradizionale del bar, integrata con piatti preparati con frutta, verdura e cereali provenienti da una filiera 100% made in Italy.
Il progetto di ristrutturazione dei precedenti locali a marchio Magnosfera nasce con l’obiettivo di arricchire l’offerta di ristorazione della galleria commerciale della città parmense per avvicinarsi alle nuove tendenze dei consumatori, in coerenza con la strategia di Camst su tutto il territorio nazionale in questo segmento. Sono stati investiti 1,2 milioni di euro a cui si aggiungono i 600 mila euro per l’apertura del ristorante self-service, della pizzeria e del bar sotto l’insegna Gustavo già presenti a Parma all’interno del centro commerciale Euro Torri. Sono in totale già 5 le aperture del nuovo format sul territorio nazionale, con la previsione di arrivare a 25 entro i prossimi anni.Gustavo logo italiano camst_pos
“Il filo conduttore del nostro nuovo concept è la qualità, a partire dai fornitori che vengono accuratamente selezionati per poter garantire ingredienti certificati, di origine italiana DOP e IGP e lavorati nel rispetto delle stagionalità. Insieme all’amore per la tradizione e all’italianità che è parte del dna di Camst, il nostro nuovo format punta sulla creatività innovativa dei servizi coerentemente con i  bisogni dei nostri consumatori”, afferma il direttore della ristorazione commerciale di Camst, Angelo Scafuto.
I locali, dall’aspetto vintage ed elegante, sono studiati per offrire ai clienti una esperienza unica anche grazie al comfort della tecnologia: il wi-fi gratuito, le postazioni tablet ad uso clienti, gli spazi ricarica cellulare, l’app dedicata e la realtà aumentata per percorsi esperienziali, il sistema chiama cliente per le ordinazioni di prodotti espressi e i sensori per la classificazione del target clienti in 24 categorie associati al consumo effettuato.
Particolare attenzione è riservata alla tutela dell’ambiente: il materiale a perdere per il servizio e takeway è 100% biodegradabile o compostabile; nelle aree di lavorazione vengono utilizzati materiali riciclati a basso impatto ambientale.
“La pizza di casa mia”, “In cucina” e “Il buon caffè” possono contare su uno staff di 18 persone, tutti lavoratori e lavoratrici confermati nei loro incarichi, all’insegna della continuità e salvaguardia dei posti di lavoro.

In Cucina

lodi_maggio24
kaleidoscopio
Casa Bambini
SanMartino