Il contagio della cultura non uccide: riaprire i musei! (di Fabio Callori)

Riaprite i musei. CulturaIdentità fa sentire la sua voce.

Centinaia di iscritti dell’associazione fondata nel 2018 dall’attore ed editore Edoardo Sylos Labini, il cui scopo risiede nella tutela, promozione e valorizzazione del patrimonio paesaggistico, culturale e artistico e dell’identità italiana, si sono recati in questi giorni davanti a decine di musei italiani chiusi a causa delle misure restrittive imposte dal governo per fronteggiare il Covid-19, per scattarsi un selfie con un motto chiaro che sta animando la protesta: “Il contagio della cultura non uccide. #riapriteimusei”. La cultura non è una scomoda eccezione ma un atto vitale per la società che edifica la maturità civile. Una battaglia quella di CulturaIdentità che prosegue idealmente quella solitaria e tenace dell’On.Vittorio Sgarbi alla Camera dei deputati contro la mortificazione dei musei e l’umiliazione della Cultura imposti dall’attuale Esecutivo.

“I musei innanzitutto assolvono alla funzione di conservare e tramandare le memorie migliori della nostra civiltà, sono un giacimento di senso e di identità, soprattutto di identità per quelle singolari patrie, borghi, paesi, e città che formano l’Italia”, scrive nel suo editoriale il Vice Presidente di CulturaIdentità, il critico d’arte Angelo Crespi, aggiungendo: “Hanno inoltre un’importante funzione sociale, contribuendo alla salute psicologica e spirituale degli individui, allo sviluppo delle qualità cognitive e della sensibilità umana.

Per tutti questi motivi crediamo giusto che essi vengano riaperti subito superato il periodo delle feste natalizie, quando un nuovo Dpcm tornerà a disciplinare la vita degli italiani.

CulturaIdentità ha deciso di lanciare una campagna di sensibilizzazione che vada a sostegno di queste istituzioni e riporti all’attenzione del Ministro della Cultura, Dario Franceschini, del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e soprattutto del Presidente Sergio Mattarella, i temi peraltro già contenuti in un appello promosso un mese fa dal direttore del Museo del Novecento di Firenze, Sergio Risaliti, e firmato da 100 operatori del settore tra direttori di musei, critici e storici dell’arte, curatori, artisti, collezionisti, galleristi.

Un appello andato a vuoto, nonostante i musei siano luoghi pubblici attrezzati e presidiati, che hanno garantito l’accessibilità e il distanziamento nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria con contagi uguali a zero.
In questi mesi invece purtroppo abbiamo assistito a uno spettacolo indecoroso. La chiusura imposta non solo mette a repentaglio il sistema musei e più in generale il sistema della cultura italiana, ma ferisce il nostro stesso senso di appartenenza, il nostro senso di comunità.

La cultura è stata vilipesa dalla politica: i partiti al governo usano il tema della cultura solo per mascherare il proprio fallimento, si appellano all’arte e alla bellezza dicendole strategiche, ma in verità nei fatti ne sottostimano il valore e il potenziale. Basti dire che anche nel cosiddetto recovery fund, la cultura (con il turismo) è la voce più piccola, appena 3,1 miliardi di euro, sui 196 che riceveremo, mentre per fare un esempio “alla parità di genere” vengono destinati 4,2 miliardi di euro. CulturaIdentità, che nelle ultime settimane sta registrando adesioni da tutta Italia, con l’ingresso di decine di nuovi coordinatori territoriali nelle province e nelle regioni italiane, unico grande movimento culturale trasversale italiano, è al fianco degli operatori della cultura, nella direzione della Bellezza, orientamento, visione e ricchezza.

L’Emilia Romagna, aggiunge Fabio Callori – Responsabile Regionale del Movimento CulturaIdentità – è una regione che mette a disposizione bellezze uniche che devono essere conosciute e valorizzate come meritano. Da Piacenza a Rimini la regione trasuda arte e cultura con un patrimonio inestimabile e un ricco meraviglioso bagaglio a disposizione della collettività. Ora più che mai è necessario ripartire; c’è bisogno di tornare a una parvenza di normalità e la riapertura dei musei, la riscoperta del sapere, sarà di appoggio e sostegno per rialzarci. Dobbiamo impegnarci per far riemergere quanto il governo affossa perché solo così potremo decollare nuovamente.