Mascherine targate Snupi per la Gastroenterologia pediatrica e adulti del Maggiore

Grazie all’iniziativa della ditta Zacobi di Parma, l’associazione ha consegnato 950 presidi di protezione per l’Ospedale dei bambini
Il desiderio dell’azienda Zacobi di Parma era quello di “dare una mano” nella fase 2 dell’emergenza Covid, come quella che stiamo vivendo. Detto, fatto. L’associazione Snupi (Sostegno nuove patologie intestinali) si è fatta carico della loro volontà e, insieme, hanno consegnato 950 mascherine con il logo Snupi all’Ospedale dei bambini e alla Gastroenterologia e Endoscopia digestiva pediatrica e adulti diretta da Gian Luigi de’ Angelis. Dispositivi di sicurezza conformi alle direttive europee personalizzate con il simpatico simbolo dell’associazione per rendere più gradevole un elemento che è entrato a far parte delle nostre abitudini quotidiane.

“Anche durante la fase dell’emergenza ci siamo attivati per sostenere l’Ospedale di Parma – ha dichiarato il presidente di Snupi Giulio Orsini – e quindi abbiamo accolto con grande favore la proposta del presidente di Zacobi, Bruno Ortalli, di donare mascherine per la Gastroenterologia dell’Azienda ospedaliero-universitaria”.

“Ringrazio l’azienda Zacopi per questa donazione”, ha aggiunto il presidente di Snupi, associazione che da anni sostiene l’unità di Gastroenterologia ed endoscopia digestiva dell’Azienda sanitaria contribuendo all’acquisizione di strumentazioni per la diagnostica, all’istituzione di borse di studio e al supporto alla ricerca in ambito universitario come lo dimostrano i progetti in fase di svolgimento.

A ringraziare Snupi e i donatori il direttore della Gastroenterologia e Endoscopia digestiva pediatrica e adulti e del Dipartimento materno infantile Gian Luigi de’ Angelis che ha ricordato l’importanza di utilizzare la mascherina per difendere noi e per rispettare gli altri, soprattutto i più piccoli e il commissario straordinario delle Aziende sanitarie Massimo Fabi che ha sottolineato la collaborazione costante con l’associazione presieduta da Giulio Orsini e l’originalità delle proposte a sostegno dell’Ospedale.