Rissa all’Ex scalo merci, Virginia Chiastra: “Area abbandonata al degrado nel cuore della città”

“Lo abbiamo detto in più occasioni. L’area dell’Ex scalo merci, nel cuore della città, è diventata una terra di nessuno dove dominano il degrado, lo spaccio e la criminalità. È un non luogo abbandonato a sé stesso dove spacciatori, tossicodipendenti e criminali fanno il bello e il cattivo tempo e dove trovano rifugi molto precari e di fortuna anche i senzatetto. Il nostro progetto per creare all’interno dell’area un Hub per i giovani è stato bocciato mentre rispetto a quello del Comune per realizzare la nuova sede della polizia locale, annunciato già dalla giunta Pizzarotti, in dieci anni non c’è stato nessun passo avanti”.

Inizia così il commento di Virginia Chiastra, consigliera comunale del gruppo consiliare Vignali sindaco, alla notizia dell’ennesima rissa avvenuta all’interno dell’area abbandonata da anni, nel cuore della città e vicino alla sede del Duc. I residenti hanno protestato chiedendo un intervento urgente per la pulizia e la messa in sicurezza dell’area.

“L’anno scorso come gruppo consiliare abbiamo infatti presentato un ordine del giorno come mozione al Bilancio, bocciato dalla maggioranza, per la creazione all’interno dell’Ex scalo merci del Parma Innovation District, un centro per la creatività giovanile sulla falsariga del Milano Innovation District (Mind). L’hub di un sistema di iniziative d’eccellenza di studio, formazione, ricerca, impresa, innovazione per offrire ai giovani le occasioni per emergere che oggi mancano, che funzioni anche come incubatore di start up, aperto ai giovani artisti. La nostra proposta era stata bocciata perché la maggioranza sosteneva che fosse irrealizzabile”.

 

† Terra Santa 10 – Il “velo di Veronica”, un’altra stella femminile che brilla nella cristianità (di Andrea Marsiletti)

 

“Il progetto per la realizzazione della nuova sede della polizia locale – prosegue la consigliera Chiastra – invece, non è mai concretamente partito: in dieci anni non c’è stato nessun passo avanti e i lavori non sono ancora iniziate. La conseguenza di tutto ciò è che ci troviamo ad assistere ogni giorno ad una situazione drammatica all’interno dell’area, tra spaccio, violenza, abbandono, degrado e risse. Non è accettabile che ci sia un luogo del genere nel cuore della città, tra l’altro a due passi dal nuovo polo pediatrico. Parma, che ha annunciato la candidatura come Città Europea dei Giovani, non sta facendo nulla di concreto per i giovani: a parte gli annunci roboanti e le dichiarazioni per ora non abbiamo visto nessun passo in avanti su questa tematica. E la bocciatura del progetto per l’Hub della creatività giovanile ne è un’ulteriore conferma”.

lombatti_mar24