Ubaldi e Brandini: “Degrado della Casa del Parco del Cinghio dopo la sua inaugurazione”

Lombatti
valparmahospital
Federica Ubaldi (Civiltà Parmigiana) e Serena Brandini (Azione)

Maria Federica Ubaldi e Serena Brandini consigliere comunali di Civiltà Parmigiana e Azione hanno interrogato la giunta comunale per segnalare lo stato di abbandono in cui versa l’area della Casa nel Parco del Cinghio dopo che il 23 aprile scorso si era proceduto alla sua inaugurazione.

I lavori di sistemazione del verde, caratterizzato da una folta e incolta vegetazione, la definizione di un cronoprogramma per completare i lavori e consegnarli alle associazioni assegnatarie tra cui gli Orti Sociali del Cinghio, il Centro Aggregativo della Cooperativa sociale Gruppo Scuola e , il prolungamento della corsa della linea 13 del bus per raggiungere la Casa nel Parco del Cinghio, sono gli argomenti oggetto della interrogazione.

Le risposte dell’amministrazione comunale a firma degli assessori De Vanna e Borghi, riconoscono, di fatto, la difficoltà a sostenere i costi della sistemazione di tutta l’area verde circostante e, a nostro parere, sostengono Ubaldi e Brandini, riteniamo molto difficile pensare che siano gli “ortolani” a sistemare tutta l’area e a tenerla manutenuta . È compito del comune sistemare l’area verde che si trova, tra l’altro, a ridosso di un complesso di edifici residenziali tutti abitati. Purtroppo c’è il problema, molto serio, di un nuovo comparto residenziale con una quarantina di appartamenti in fase di costruzione i cui lavori sono fermi e il cantiere è chiuso da mesi.



Nessuno è in grado di prevedere quando i lavori, che includono le opere di urbanizzazione, potranno riprendere. A tale proposito riteniamo che sia necessario verificare la situazione con l’impresa di costruzione e capire chi deve completare strade, parcheggi, illuminazione, marciapiedi e rete fognaria.

Sul prolungamento della linea 13 fino a via Armstrong e De André, da via Atleti Azzurri d’Italia, c’è l’impegno dell’assessore a verificare con TEP l’estensione del servizio. Purtroppo, concludono Ubaldi e Brandini, di problemi irrisolti lasciati in eredità dalla precedente amministrazione ce ne sono diversi. Noi saremo attente e vigili a segnalare prontamente al comune i problemi che ci vengono segnalati dai cittadini. Ci teniamo molto alla città e riteniamo che la guardia per tenerla pulita, sicura, curata e bella, non debba mai essere abbassata.

Ufficio Stampa

valparmahospital