Un salone del Camper esplosivo, per numeri, per novità, per vivacità. FOTO

proges_4_21

Un salone esplosivo, per numeri, per novità, per vivacità.

I numeri: crescita del settore camper e caravan vicina al 50%, frutto dell’accelerazione dovuta al Covid e alla necessità di “scappare” di casa, dopo mesi di blocco. Crescita del Salone del Camper, che ha per ora battuto tutti i record assoluti, per espositori e visitatori: visti i tempi, chapeau! Con uno sforzo organizzativo non comune, dopo un Cibus dai grandi numeri

Per novità: partiamo dalla politica. Finalmente la politica con la P maiuscola si è accorta del settore. Il ministro Garavaglia ha promesso interventi importanti, per agevolare le aree sosta, per regolamentare il settore a livello qualitativo e quantitativo, per sdoganare l’immagine un po’ complessa del settore, verso un turismo meno d’elite. più alla portata di tutti. Il comparto è maturo e in crescita, esprime numeri assoluti di tutto rispetto, per il PIL italiano. L’area di sosta del Cavallino, a Venezia, supera i 6 milioni di arrivi (sei milioni!): è la prima d’Europa, forse del mondo.

Ma anche per tecnologia e soprattutto per tendenze di mercato: il van compatto, per giovani coppie e pensionati dinamici, il glamping e le aree sosta “sciccosette”, la tenda sul tetto dell’auto, un tempo accessorio per alternativi ed esploratori, ora alla portata di tutti e anche per top brand come Mini e Land. Gli accessori, per tutte le tasche, degni di un’astronave o della cucina di Master Chef.

La vivacità produttiva, in termini di nuovi design e di qualità tecnologica, di nuovi sistemi digitali di supporto al viaggio e alla scoperta del territorio; tutte, espressioni positive di un comparto che si distingue per la scoperta (o riscoperta) del territorio, con lentezza, con adattabilità last minute, con attenzione all’ambiente, sempre con la compagnia degli animali domestici che non sono più un peso, con le passioni sportive che ti vengono dietro nel camper, come le bici (ebike, anche di più), gli skate, il gonfiabile.

Mauro Delgrosso