Il Centro oncologico di Parma prende forma. “Insieme fino al traguardo” per realizzare il meglio della cura qui e adesso

Il Centro oncologico di Parma sta diventando realtà. I sei piani di cui è composto, con 9000 metri quadrati di superficie, si stagliano all’ingresso di via Volturno dell’Ospedale Maggiore, di fianco alla Torre delle Medicine a cui sarà collegato da percorsi interni.

Terminati i lavori strutturali, sono in corso di realizzazione le opere di copertura, necessarie per avviare il completamento dei locali il cui primo stralcio prevede cinque dei sei piani dell’edificio. I primi mesi del 2024 saranno quindi dedicati alla definizione degli spazi interni che consegneranno 35 ambulatori, 30 posti di day hospital oncologico per la somministrazione delle terapie, tre locali per ospitare gli acceleratori lineari per trattamenti radioterapici, oltre a locali per la ricerca, l’accoglienza dei pazienti (con un’attenzione particolare per i più piccoli), spazi per le associazioni di volontariato e un parcheggio con 200 posti auto riservati con accesso diretto alla struttura. Nel 2025 verrà completato il sesto e ultimo piano dedicato alla degenza ora che anche il secondo stralcio dei lavori ha trovato copertura finanziaria grazie alla possibilità per l’Azienda sanitaria di accendere un mutuo.

 

INTERVISTA – Priamo Bocchi (FdI): “I punti deboli dell’Amministrazione Guerra. Dio conservi a lungo Elly Schlein, la garanzia del centrodestra”

 

Un Centro all’avanguardia che sta prendendo forma con il finanziamento di Stato, Regione Emilia Romagna e Azienda Ospedaliero-Universitaria al quale si aggiunge il prezioso sostegno di Fondazione Cariparma e della raccolta fondi “insieme con te” dedicata al Centro oncologico e promossa dalle istituzioni del territorio con Fondazione MUNUS a fare da garante sulla destinazione di risorse che cittadini, aziende e associazioni stanno donando.

Tante sono le esigenze per creare un Centro che vuole tecnologie avanzate e la miglior accoglienza per il paziente, ma altrettanta la generosità dei parmigiani verso il loro ospedale. Hanno raggiunto il milione e 700 mila euro le donazioni destinate alle migliorie per il Centro oncologico e di queste, 687 mila euro, sono già state investite in tecnologie e accoglienza perché il completamento della futura “Casa” delle specialità oncologiche sarà il traguardo di un percorso che vuole offrire il meglio della cura qui e adesso.

In particolare 450 mila euro hanno contribuito all’acquisto del terzo acceleratore lineare di Radioterapia che ha consentito di abbattere le liste di attesa per accedere ai trattamenti. Altro investimento che guarda al futuro è SpaceOar. Acquisito grazie al contributo di aziende private, SpaceOar è una tecnologia che consente di praticare la radioterapia stereotassica con cicli di cura concentrati in sole 5 sedute contro le 25-30 necessarie nei trattamenti tradizionali, riducendo il rischio di effetti collaterali talvolta invalidanti come può accadere nei trattamenti del tumore alla prostata. Altri 100mila euro sono invece serviti per migliorare le poltrone dei locali per le terapie del Day Hospital Oncologico mentre altri 80 mila euro hanno finanziato l’acquisto di caschi refrigeranti Paxman per evitare la caduta dei capelli in chi si sottopone a chemioterapia.

Questo l’obiettivo della raccolta fondi, affiancare i professionisti per offrire il miglior sostegno ai pazienti durante il percorso di cura e favorirne un ritorno alla vita famigliare, sociale, lavorativa più veloce possibile. E così come avanzano la ricerca e le terapie così avanzano gli obiettivi della raccolta fondi che ha lanciato lo slogan “Al nostro fianco fino al traguardo”, con un invito ad imprese e cittadini ad un sostegno biennale per le aziende o mensile per i privati per accompagnare la realizzazione del Centro oncologico con il completamento di progetti non ancora finanziati. Tra questi l’ambulatorio chirurgico per medicazioni da praticare in loco, stanze del Day hospital oncologico e della degenza più confortevoli e riservate, oltre ad una sala multimediale per formazione, riunioni multidisciplinari e attività delle associazioni. Per informazioni insiemeconte@ao.pr.it e il sito www.ao.pr.it/insiemeconte.

­­­­­­­­­­­Centro oncologico, copertura finanziaria: 25,3 milioni di euro

5 mln ex art. 20 (Stato e Regione)
5 mln Fondazione Cariparma
13,6 mln fondi aziendali e mutui
1,7 mln dalle donazioni della raccolta fondi “insieme con te” dedicata al Centro oncologico

“Al nostro fianco fino al traguardo”, progetti nuovi o da completare

Ambulatorio chirurgico
Presso l’oncologia vengono svolte attività che necessitano di un ambiente dedicato con alcune strutture che caratterizzano uno spazio di tipo chirurgico.
La presenza di un ambulatorio attrezzato per il posizionamento degli accessi venosi centrali, chiamati PICC, e per altre procedure diagnostiche, consente di gestire il paziente all’interno della struttura senza doverlo inviare presso altri reparti.
Obiettivo: 77 mila euro. Raggiunto al 31%

Comfort e privacy presso il DH Oncologico
Il design ospedaliero viene incontro alle esigenze del paziente con soluzioni armoniche, in grado di rendere più accogliente l’ambiente circostante.
L’arredo della camera è pensato per offrire al paziente anche un angolo di svago e una postazione di lavoro durante la terapia, per ospitare i caregivers e permettere spostamenti insicurezza.
Obiettivo: 130 mila euro. Raggiunto al 71%

Sala Multimediale Condivisa
La sala necessita di una progettazione che ne garantisca molteplici utilizzi, in quanto ospiterà convegni e momenti informativo-divulgativi, per il personale sanitario, ma anche per le associazioni di pazienti.
Sarà dotata di tecnologie informatiche e digitali di ultima generazione, per permettere la migliore visibilità di immagini e video ad alta definizione.
Obiettivo: 100 mila euro

Comfort & Privacy in Degenza
Le stanze della Degenza Oncologica verranno trasferite dall’attuale collocazione nella Torre Medicine, al quarto piano del nuovo Centro Oncologico.
Gli ambienti verranno completamente rinnovati e le attrezzature aggiornate con nuovi modelli più avanzati.
Si tratta di 6 stanze singole, 4 doppi e una quadrupla, per un totale di 20 posti letto
Obiettivo: 250 mila euro