Ospedale di Vaio, al via gli eventi per celebrare i vent’anni di attività: appuntamento il 29 giugno

confartigianatomaggio
Contabile_giugno24

L’ospedale di Vaio compie vent’anni.  Due decenni di impegno e innovazione al servizio della comunità grazie ai quali questa struttura, oltre a confermarsi come fondamentale punto di riferimento per la sanità provinciale, ha posto le basi per poter rispondere sempre più ai bisogni di salute della popolazione, anche in una prospettiva futura. Attenzione alla persona nei percorsi di cura, innovazione organizzativa e tecnologica, investimenti e valorizzazione delle professionalità: dalla sua inaugurazione il 4 luglio del 2004 infatti, l’ospedale di Vaio ha seguito un percorso di costante crescita, che lo ha reso un luogo di eccellenza nelle cure ospedaliere.  Un traguardo importante, che il 29 giugno l’Azienda Usl di Parma vuole celebrare insieme a tutta la comunità con l’organizzazione di un evento aperto alla cittadinanza.

Non solo. Il prossimo autunno, sempre in occasione delle celebrazioni per il ventennale, i professionisti sanitari della struttura organizzeranno una serie di eventi per i cittadini, di presentazione dei servizi ed educazione sanitaria.

 “L’ospedale di Vaio – ricorda il commissario straordinario dell’Ausl di Parma Massimo Fabi è nato come una scommessa, compiendo la scelta (allora) inusuale di trasferire un luogo di cura fuori dal centro di Fidenza. Quella scommessa è vinta: l’ospedale di Vaio è un’eccellenza, in cui competenza, professionalità e umanità sono le caratteristiche che ne descrivono al meglio il valore. Il grande merito va  ai professionisti che in questa struttura hanno lavorato e lavorano, senza dimenticare il grande apporto del mondo del volontariato e delle istituzioni del territorio, che da sempre ci sostengono. La sfida che ora si pone – conclude Fabi –  e che è già in atto, passa attraverso una sempre più stretta integrazione tra i professionisti di questo ospedale, del Maggiore e del Santa Maria, insieme a quelli dell’Università di Parma.”

 

“I cimiteri sono pieni di persone indispensabili”, l’eccezione è Michele Guerra per il centrosinistra di Parma (di Andrea Marsiletti)

 

 IL PROGRAMMA DI SABATO 29 GIUGNO

CON IL VOLONTARIATO

Si inizia alle 9.30 con l’allestimento di banchetti informativi, gestiti dalle associazioni di volontariato, lungo il tunnel che porta all’ingresso principale dell’ospedale. Occasione per conoscere più da vicino le associazioni del territorio e il loro impegno. Dalle 10, per chi lo desidera, sarà possibile fare visite guidate in alcuni servizi, ad esempio per vedere le apparecchiature presenti in camera iperbarica,  ma anche ambulatori e altre unità operative. Saranno i volontari del Punto di Comunità e del Comitato Consultivo Misto di Fidenza  ad accompagnare i cittadini all’interno dei reparti, insieme al personale sanitario.

IL GRAZIE AI PROFESSIONISTI

Alle ore 11 in aula A l’incontro con i professionisti di oggi e di ieri, alla presenza degli amministratori locali. Con l’occasione, una sessantina tra medici e coordinatori infermieristici e il presidente di Fondazione Cariparma Franco Magnani riceveranno una pergamena, quale attestato di benemerenza per il contributo alla crescita dell’ospedale in questi primi 20 anni. La violinista Monica Zaccaria accompagna la cerimonia con alcuni brani musicali.

L’OSPEDALE DI VAIO

E’ il secondo ospedale della provincia di Parma. Dispone di 210 posti letto, di cui 194 ordinari e 16 in regime di day-hospital. Da luglio 2004 a fine 2023, sono stati oltre 227 mila i ricoveri, mentre le prestazioni ambulatoriali sono state complessivamente quasi 8 milioni. Gli accessi al Pronto soccorso, dal 2010 al 2023, sono stati oltre 421 mila, di cui oltre 18 mila per patologie urgenti (codice rosso o arancione). 

SanMartino
lodi_maggio24
kaleidoscopio
Casa Bambini