GRAN – Petrarca Padova 8–35

01/02/2010
h.10.40

I buoni propositi del PlusValore GRAN alla vigilia del match con il Petrarca Padova si sono infranti contro la compattezza di un avversario in ottime condizioni di forma ed ormai lanciato verso le prime posizioni della graduatoria.
L’ostacolo più grande, però, Artal e compagni lo hanno trovato in loro stessi, nel loro nervosismo ed in una dose di aggressività certamente adeguata all’impegno, ma incanalata nella direzione sbagliata. Ne è risultata una mancanza totale di disciplina che nei primi minuti di gioco è costata ai blucelesti un numero impressionante di calci di punizione ed un cartellino giallo per Manici.
Aggiungiamo la netta inferiorità nelle fonti di gioco per una mischia che stentava a trovare l’assetto ed una touche in difficoltà. Il risultato, inutile dirlo, è stato un possesso di palla largamente in favore degli avversari.
Eppure dopo un drop iniziale di Mercier c’è voluta una svista arbitrale su un palese “in avanti”, per scardinare una difesa del PlusValore che fino a quel momento aveva protetto con grande determinazione la propria linea di meta.
Detto questo, il piccolo divario di punti con il quale si è chiusa la prima frazione di gioco (3 – 10) non poteva che essere considerato quasi un successo per gli uomini di Mey. Andando con la memoria al confronto d’andata con la bella rimonta operata in quell’occasione dai blucelesti, la speranza era che come allora la musica potesse cambiare dopo l’intervallo.
Con la ripresa del gioco, in effetti, sembrava che il copione si potesse ripetere. Dieci minuti in cui la pressione dei blucelesti si è tramutata in un netto anche se sterile predominio territoriale, con belle iniziative individuali non sostenute adeguatamente dal resto della squadra. Subito dopo, però, si è innescata una spirale di episodi negativi che hanno fatto definitivamente naufragare le speranze non solo di successo, ma anche di bonus-sconfitta.
Al primo calo di tensione, in coincidenza con la sostituzione dei due piloni, ecco arrivare puntuale la meta di Borgato, mentre dopo quattro minuti, con la squadra tesa nel tentativo di riacciuffare il match, è arrivata l’espulsione definitiva di Cattina per fallo di reazione.
Da quel momento la superiorità della mischia veneta si è fatta più netta ed infatti proprio dal pacchetto sono arrivavate altre due mete che hanno garantito la conquista del bonus, mentre negli ultimi minuti della gara, dopo altri due piazzati di Mercier, è arrivata per il PlusValore l’unica fase da salvare di tutta la partita. Una lunga, insistita azione offensiva continuamente interrotta da falli avversari sanzionati dall’arbitro e conclusa meritatamente da uno degli atleti più generosi della squadra di Mey, il tallonatore Damin Buzaj.
L’attenzione adesso si sposta sulla Coppa Italia ed a questo proposito il PlusValore GRAN ha preannunciato per lunedì una conferenza stampa a Moletolo alle ore 11.00 per presentare alcune importanti novità ed un nuovo sponsor.

lombatti_mar24